Avere o Essere

01.01.2021

Questa domanda non dovrebbe essere considerata solo una questione filosofica, bensì una vera e propria scelta di vita.
La maggior parte delle persone sceglie l'avere, perchè è la via facile e apparentemente piú remunerativa.
La società supporta chi possiede molto, chi é in vista, chi ha potere. Lo approva, lo ama e ne fa un modello da imitare.
Se scegli l'avere avrai il supporto, il sostegno e l'ammirazione delle persone intorno a te.
Chi sceglie l'essere invece non avrà tutto questo, avrà probabilmente il contrario. Non sarà compreso, perchè in pochissimi scelgono l'essere. In pochi capiscono che l'essere è più importante dell'avere.
L'essere ti rende sereno, a prescindere dal tuo ambiente esterno. L' essere ti fa dormire sonni tranquilli. L' essere rende la vita degna di essere vissuta.
In pochi comprendono le persone che magari non sono interessate ad essere in vista, ad accumulare denaro e posizioni sociali. Sono in pochi perché è normalità scegliere l'avere.
Chi sceglie l'avere ha certamente il supporto della società, ma non puó avere l'approvazione profonda del suo Io. In definitiva chi sceglie l'avere non potrà mai essere felice. In realtà sta solo soddisfando le aspettative altrui ed é figlio del condizionamento della sua epoca. Agisce mosso da un senso di inadeguatezza radicato in lui, al quale tenta perennemente di sfuggire.
Se scegliete l'essere, il sentiero dell'autosviluppo, probabilmente nessuno vi riconoscerà. Resterete forse anonimi e incompresi dalla massa. Non vi interesserà il suo modo di vivere, il suo continuo spirito di competizione, la perenne rincorsa verso l'apparire.
Sarete forse piú silenziosi e meditativi, meno appariscenti. Sappiate peró che avete scelto la giusta via, la via dell'uomo astuto, di colui che cerca la felicità e non si fa ingannare.