Non Tolleratelo

14.07.2019

Ci sono alcune cose che possono essere tollerate, altre no.
Vi hanno abituato a tollerare tutto perché questo sembra essere una cosa buona.
Osservate tuttavia la natura: il corpo umano espelle ciò che non tollera, ciò che è dannoso per lui.
Ciò che vi è nemico non va tollerato.
Questo discorso è valido sia per le persone sbagliate che tenete nella vostra vita, sia per i comportamenti che subite e accettate.
Smettete di chiudere un occhio e giustificare i comportamenti sbagliati del prossimo. Non siete buoni se li sopportate, anzi commettete un grave peccato contro voi stessi. Chiudendo sempre gli occhi alla fine si diventa ciechi: i comportamenti errati alla lunga diventano qualcosa di naturale e accettato. E' sempre così.
I vostri fardelli, poi, alla fine vi distruggeranno. Ciò che brama uscire allo scoperto, il vostro naturale sdegno verso l'oggettivamente sbagliato, si trasformerà in rancore.
Tutto ciò si traduce in malattia, prima psichica, poi fisica. Molti tumori ne sono un esempio.
Lo sdegno è qualcosa di sacro: Gesù era sdegnato per la mancanza di ritegno dei mercanti al tempio e non poté fare a meno di scaricare contro di loro il suo furore sacro.
Vi hanno insegnato a chiudere la bocca ed accettare tutto, e a venire riconosciuti socialmente se lo fate.  Avete paura di tirare fuori il santo impeto che è in voi per timore del giudizio. Desiderate la pace a tutti i costi per paura delle conseguenze del vostro sdegno. Non siete cattivi se vi arrabbiate giustamente.
Se nessuno più si ribella, se nessuno più si sdegna, la giustizia muore, insieme alla salute.
Solamente gli schiavi stanno a bocca chiusa e non pretendono rispetto. Non siate tali.